Mezze maniche mari e monti.

IMG_7186

Questa ricetta vuole essere un saluto speciale alla mia stagione preferita, la primavera, se non il mese che amo di più in tutto l’anno, Aprile.

Ecco a voi un sughetto leggero anche per una pasta fredda. Come in tutte le mie ricette non scrivo mai le dosi, avevo già detto in precedenza che quando cucino faccio sempre a occhio. Vi prego di scrivere nei commenti se preferite che sia più precisa, vorrei qualsiasi consiglio per migliorarmi e migliorare il blog, quindi scrivete pure non siate timidi 😉 ora vi lascio alla ricetta, alla prossima.

Ingredienti:

  • pasta secca tipo mezze maniche;
  • 2 teste di calamari;
  • asparagi selvatici;
  • ricotta;
  • cipolla;
  • aglio;
  • bottarga grattugiata;
  • olio extra vergine d’oliva q.b,
  • sale e pepe.

Procedimento:

IMG_7210Questa è una ricetta abbastanza veloce, quindi vi consiglio di mettere subito l’acqua a bollire.

Nella preparazione degli ingredienti, iniziate mondando gli asparagi e fateli fare una precottura a vapore. Fate un soffritto con la cipolla e l’aglio e quando prenderanno colore uniteci le teste dei calamari puliti e tagliati  e gli asparagi. Lasciate cuocere per qualche minuto.

In una ciotola ammorbidite la ricotta con l’acqua di cottura della pasta, questa verrà aggiunta al momento della mantecatura.  Aggiustate di sale e di pepe il sughetto e spegnete.

Scolate la pasta, tenendo un po’ di acqua, quindi uniteci la ricotta e se risulterà troppo asciutta aggiungete dell’acqua. A questo punto aggiungete la bottarga in polvere e servite.


IMG_7219

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Riso venere in crema di asparagi e gamberetti croccanti.

IMG_6997

Oggi è una di quelle giornate in cui mi sento triste senza un motivo, così ho deciso di raccontarvi la scampagnata di qualche giorno fa assieme a mio padre e i nostri amici a quattro zampe. Ovviamente è stata una giornata produttiva, non solo per il piacere di stare all’aria aperta ma anche per aver trovato questo meraviglioso mazzo di “fiori” 😀

IMG_6980E’ sempre bello portare a casa qualcosa raccolto con le proprie mani, si ha una doppia soddisfazione nel preparare una pietanza. Durante questo percorso, sto imparando che le materie prime sono importanti, sopratutto rispettare la stagionalità e la freschezza. Amo cucinare, mi rende così sicura. Ma adesso come sempre divento chilometrica nel raccontarvi le cose, quindi vi lascio alla ricetta, vi avviso in anticipo che è abbastanza calorica e un po’ lunghetta nella preparazione, ma vi assicuro che ne varrà la pena. Mi scuso in anticipo se negli ingredienti non sono presenti le dosi, ma quando sperimento raramente peso, vado sempre a sentimento 😀

 Ingredienti: 

  • riso venere precedentemente ammollato per 5 ore circa;
  • asparagi puliti e lessati;
  • yogurt greco;
  • parmigiano reggiano;
  • latte intero;
  • sale e olio extra vergine d’oliva q.b;
  • aglio;
  • burro;
  • gamberetti già sgusciati;
  • pancetta;
  • cipolla rossa;
  • aceto,
  • zucchero di canna.

Procedimento:

In una padella riscaldate dell’olio e aromatizzatelo con lo spicchio d’aglio sbucciato e diviso a metà, fateci rosolare gli asparagi precedentemente lessati (senza sale, il sale verrà aggiunto solo nella fase finale, quando saranno già crema, in quanto il sale ha la capacità di far fuoruscire tutta l’acqua presente negli alimenti e a noi l’acqua serve per poterli frullare bene ), e tagliati a pezzi. A questo punto possiamo iniziare a frullare con il mixer a immersione, aggiungendo prima lo yogurt, il parmigiano e alla fine il late (regolatevi voi a seconda della consistenza che volete dare alla crema, se più o meno densa). Ora assaggiate e aggiustate di pepe e sale.

Ora è il turno dei gamberi e della cipolla i agrodolce. Per quanto riguarda i gamberi, sgusciati e privati dell’intestino andranno involti nella pancetta e poi fateli cuocere in una padella calda, fino a quando la pancetta non sarà ben croccante. Le cipolle invece andranno affettate molto sottili, e fate appassire in una padella calda con un po’ di acqua, aggiungete lo zucchero e l’aceto. Scolate il riso e mantecatelo con del burro e del parmigiano.

E’ ora di impiattare…

IMG_6999

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Bavette con carciofi, bottarga e besciamella allo zafferano.

IMG_6522

Signore e signori, amanti della cucina e non, oggi  vi presento un primo piatto della recente tradizione della mia Sardegna, con una mia piccola rivisitazione. Sicuramente un piatto facile veloce, ma di grande effetto e sapore.

Ingredienti:

  • pasta tipo bavette;
  • carciofi tipo spinoso sardo;
  • uno scalogno;
  • aglio;
  • coriandolo;
  • bottarga di muggine;
  •  limone;
  • zafferano;
  • 50 g. burro;
  • 500 ml. di latte intero,
  • 50 g. farina.

IMG_6520

Procedimento:

Iniziare mondando i carciofi, eliminando le foglie più esterne fino ad arrivare a quelle più morbide a questo punto con un coltello eliminare semplicemente le punte, dividere il carciofo a metà ed eliminare la paglietta nel cuore. Non si butta nulla, quindi pulite anche il gambo dalla parte legnosa superficiale; tagliate il carciofo e lo scalogno in fettine molto sottili e fateli cuocere nel olio caldo precedentemente insaporito con l’aglio in camicia, fino a quando il carciofo non risulterà morbido ma non sciupato.

A questo punto iniziate preparando la besciamella. In un pentolino lasciate fondere il burro, unite la farina e mescolate con la frusta per evitare la formazione di grumi; versate ora il latte tutto in una volta e freddo, continuando a mescolare fino a quando non inizierà a bollire. Aggiustare di sale e aggiungere lo zafferano, coprire e lasciare cuocere a fuoco lento, mescolando ogni tanto fino a quando la salsa non apparirà del tutto densa e vellutata. La consistenza non dev’essere del tutto densa, in quanto dovremmo usare la besciamelle per mantecare la pasta, quindi se vi uscirà troppo soda aggiungete altro latte.

Tagliare la bottarga in fettine molto sottili. Scolare la pasta e aggiungerla i carciofi, mantecare sempre fuori dal fuoco quindi tutti gli ingredienti devono essere ben caldi, aggiungere la besciamella poco alla volta fermandovi a vostro piacimento, a questo punto aggiungete anche la bottarga. Il piatto a questo punto è finito pronto da servire, spolverate un po’ di coriandolo e la scorza del limone sul piatto da servire.

IMG_6447

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Orecchiette con broccoli e gamberetti.

IMG_6308

Ingredienti: 

  • orecchiette pugliesi;
  • broccoli;
  • gamberetti freschi;
  • cipolla;
  • aglio;
  • prezzemolo;
  • yogurt greco;
  • olio extra vergine d’oliva,
  • sale q.b.

Procedimento:

Mondare i broccoli separando il gambo dal fiore, infatti per questa ricetta useremmo solo i fiori. Iniziamo cuocendo prima i broccoli, in una padella ben calda con un cucchiaio di olio e li lasciamo caramellare, quando risulteranno appassiti li togliamo dal fuoco, sempre nella stessa padella calda, dopo aver tolto i broccoli aggiungiamo un filo d’olio, la cipolla e l’aglio in camicia. Quando la cipolla e l’aglio risulteranno dorati aggiungiamo i broccoli per far amalgamare i sapori. Dopo aver pulito i gamberetti, potete scegliere voi se lasciare le teste oppure no, io ho preferito toglierle, uniteli ai broccoli per farli cuocere. Scolare la pasta al dente, finirà di cuocere in padella, aggiungere qualche mestolo di acqua di cottura e farla evaporare. In fine mantecare con lo yogurt greco e il prezzemolo.

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Crema di zucca e salsiccia

IMG_5953

Questo è un piatto che si prepara veramente in pochissimo tempo, anche all’ultimo minuto per chi lavora e non ha abbastanza tempo per stare ai fornelli o per chi semplicemente ha voglia di uscire dalla monotonia del solito pranzo e gustare qualcosa di diverso.

Ma che differenza c’è tra una crema e una vellutata? la crema quella che vi proporrò io, è composta da un solo ingrediente principale, frullato e poi legata da latte, panna o burro; mentre la vellutata è composta da 2 tipi diversi di verdure, frullata e poi legata anche questa con la materia grassa che può essere la panna da cucina o addirittura l’uovo.


Ingredienti per la crema:

  • Zucca;
  • cipolla bianca;
  • la scorza di un arancio;
  • due cucchiai di panna,
  • olio e sale q.b.

Procedimento:IMG_5939

Iniziare con il soffritto di cipolla, lavorando con il tegame ben caldo e facendo rilasciare per primo un po’ di acqua di vegetazione delle cipolle, quando sono appassite aggiungere l’olio e rosolare, a questo punto aggiungere la zucca. Quando la zucca risulterà rosolata, aggiungere l’acqua calda al posto del brodo, questo eviterà  di coprire il sapore dolce della zucca. Come ultimo passaggio salare a vostro piacimento, aggiungere la scorza dell’arancia e la panna, quindi frullare.



Ingredienti per il ragù di salsicia:

  • Salsiccia fresca;
  • una noce di burro,
  • semi di anice.

Procedimento:

Come prima cosa eliminare il budello dalla carne, cuocere quindi con il burro cercando di separare i grumi più grandi aggiungete i semi e lasciate rosolare fino a quando la carne non avrà preso un colorito bruno.


E’ ora di Impiattare…

IMG_5937

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Vellutata di patate dolci

Rassegnamoci l’inverno è alle porte, la cosa brutta e che quest’anno di estate ne ha fatta ben poca, quindi è come se fosse stato perennemente autunno! Comunque la cosa positiva dell’inverno e del freddo sono i cibi e le pietanze che si possono mangiare, calde, profumate e caloriche 😀

La ricetta che voglio proporvi oggi è una vellutata di patate dolci, insaporita dalla paprika e dall’erba cipollina ma resa croccante e saporita dalla pancetta affumicata e dai crostini all’aglio. Vi lascio ora alla ricetta.

Ingredienti:

  • una patata dolce bella grande;
  • una noce di burro;
  • un porro;
  • 1l di brodo vegetale;
  • un cucchiaino di paprika forte;
  • una bustina di zafferano;
  • sale q.b;
  • pancetta affumicata;
  • pane tipo pasta dura,
  • erba cipollina.

Procedimento:

Iniziate preparando tutti gli ingredienti, spellate e tagliate la patata, tritate il porro, affettate il pane come più preferite, io solitamente lo faccio a cubetti e poi preparate il brodo. Iniziate ora a far rosolare il porro in un filo d’olio e il burro, lasciandolo cuocere per almeno una decina di minuti. Nel frattempo potete accendere il forno e farlo riscaldare a 180° gradi. In una teglia disponete la pancetta e il pane che precedentemente avete condito con dell’aglio, uniteci un filo d’olio e lasciatelo cuocere in forno fino a che la pancetta e il pane non saranno diventatati croccanti. Ora che il porro si è rosolato aggiungete la patata e poco alla volta il brodo, coprite con il coperchio e lasciate cuocere fino a quando le patate non saranno morbide. Aggiungete lo zafferano e frullate il tutto con il mixer a immersione, fino ad ottenere una crema liscia, non dimenticatevi di assaggiare e aggiustare di sale, aggiungete poi la paprika e mescolate fino a che non si sarà ben amalgamata alla vellutata. Se la crema vi risulta molto densa aggiungete poco brodo.

Impiatatte quindi versando la vellutata il un piatto fondo o una ciottolina se preferite, guarnendo con un filo d’olio, i crostini e la pancetta una spolverata di paprika e di erba cipollina. E voilà il piatto è pronto da gustare.

IMG_5110

buon appetito e alla prossima 🙂

un bacio, Franci!

Basta con le solite patate!!

Immagine

 

…Basta con le solite

patate!!

Patate fritte al forno, patate al sugo o al verde, minestra di patate e purea di patate…BASTA!! 

Oggi avevo voglia di qualcosa di più sfizioso, e con l’arrivo del fresco fa piacere mangiare qualcosa di più calorico e gustoso. 

Ingredienti:

  • Patate;
  • burro;
  • latte;
  • panna da cucina;
  • mozzarella;
  • parmigiano grattugiato;
  • paprika dolce q.b,
  • sale q.b

Imburrate per bene la teglia, tagliate poi, a fettine sottili le patate disponendole in fila, sovrapponetele in modo da coprire per bene tutta la superficie, versateci un po di latte, la panna il parmigiano, il sale e  qualche pezzo di mozzarella, continuate così fino alla fine o all’altezza desiderata, aggiungete poi  la paprika dolce solo nel ultimo strato.

Il tortino va messo in forno preriscaldato a 180° per una mezz’oretta circa, fin quando non si è formata la tanto amata crosta dorata 😉

              buon appetito e alla prossima 😉

                               un bacio, franci!