Carbonara, a modo mio. (rivisitazione)

IMG_9782

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 305 g di pasta secca tipo spaghetti;
  • 3 uova solo tuorlo;
  • mortadella;
  • 3 cucchiai di yogurt greco;
  • 50 g di burro;
  • un limone,
  • olio extra vergine d’oliva, sale e pepe q.b.

 

Procedimento:

Questo piatto prevede l’utilizzo del burro per la matecatura e si come lo useremmo freddo da freezer lo prepariamo prima di tutti gli altri ingredienti.

In una ciotola lavoriamo il burro con un cucchiaio fino ad ammorbidirlo, aggiungiamo due cucchiaini da caffè di succo di limone e la scorza, lavoriamo fino ad amalgamare il tutto e poi lasciamo riposare in freezer fino a quando la ricetta sarà completata.

Tagliamo adesso la mortadella a listarelle non troppo sottili che andremmo a cuocere in un padella calda con un filo d’olio. Inizialmente la mortadella rilascerà il grasso risultando morbida, non spaventatevi lasciatela cuocere, a noi serve croccante. Fidatevi sarà buonissima.

Con una pinza la togliamo dalla padella e la mettiamo sulla carta assorbente. IMG_9789

Nel frattempo che la pasta cuoce, sbattiamo le uova come faremmo con una classica carbonara, aggiungendo pero lo yogurt greco, aggiustando poi di sale e il pepe.

Scolare la pasta, e unitela al composto di uova e yogurt, personalmente la porto appena sul fuoco perché il composto risulta troppo liquido. Quando si sarà asciugato e risulterà più simile ad una cremina la togliamo da fuoco e aggiungiamo il burro freddo.

A questo punto si può impiattare e aggiungere la mortadella in ogni piatto.


 

IMG_9789

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Involtini di manzo con frittatina alle erbe.

Eccomi tornata finalmente dopo una lunghissima attesa. Lo so avevo promesso più ricette, ma purtroppo la costanza non fa parte delle mie virtù, poi questo è uno spazio tutto mio che uso un po’ come una valvola di sfogo e scrivo quando veramente mi sento ispirata, non vorrei mai trasformarlo in un qualcosa di meccanico e scrivere solo perché devo e non perché mi va per davvero.

Quindi eccomi qui quasi a fine novembre con una nuova ricetta. Avevo anche promesso diverse rubriche, ma il tempo non è mai stato dalla mia parte, spero che a inizio nuovo anno riuscirò a concludere veramente qualcosa.

Con questa ricetta ho vinto un piccolo concorso, si tratta di un calendario che contiene diverse ricette di tanti blogger e  verrà distribuito da Do Eat Better e Eca Technology.

Adesso vi lascio alla ricetta che è davvero semplice e veloce, pochi passaggi ma di un buon sapore. Come sempre 😉


 

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 fettine di carne di manzo;
  • 8 fette di pancetta arrotolata;
  • formaggio tipo fontina o  cheddar ( a vostro piacere);
  • 4 uova;
  • prezzemolo e erba cipollina;
  • 500 g di pelati;
  • una cipolla;
  • uno spicchio d’aglio;
  • capperi,
  • olio d’oliva extra vergine, sale e pepe q.b.

 

Procedimento:

Iniziamo con uno degli ingredienti chiave per questa ricetta, la frittata di erbette.

In una ciotola sbattiamo le uova  quasi montandole, l’albume e il tuorlo devono essere perfettamente omogenei tra loro, aggiustare di sale e pepe e aggiungere il prezzemolo e l’erba cipollina tritati molto finemente, mescolare per amalgamare al meglio tutti gli ingredienti.

In una padella precedentemente scaldata aggiungiamo un filo d’olio, quando questo si sarà sparso per tutta la superficie andiamo a versare il composto di uova e erbette.

Ora si può iniziare a farcire le fettine, stendiamole sul piano e ad ogni fetta di carne andrà una fetta di pancetta, un pezzo di frittata e del formaggio. Andiamo a chiuderle, arrotolandole e bloccando la carne con un bastoncino di legno o filo da cucina.

Condiremmo i nostri involtini con un sugo. Quindi in una padella scaldate l’olio e mettete a soffriggere la cipolla, i Capperi e l’aglio. Quando questi diventeranno “trasparenti” aggiungete gli involtini e fateli rosolare da tutti i lati. Dopo che avranno raggiunto un colore bruno, aggiungete il sugo e lasciate cuocere. Aggiustate di sale e il piatto è pronto, da gustare.


 

Immagine

 

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

 

Crema di zucca e salsiccia

IMG_5953

Questo è un piatto che si prepara veramente in pochissimo tempo, anche all’ultimo minuto per chi lavora e non ha abbastanza tempo per stare ai fornelli o per chi semplicemente ha voglia di uscire dalla monotonia del solito pranzo e gustare qualcosa di diverso.

Ma che differenza c’è tra una crema e una vellutata? la crema quella che vi proporrò io, è composta da un solo ingrediente principale, frullato e poi legata da latte, panna o burro; mentre la vellutata è composta da 2 tipi diversi di verdure, frullata e poi legata anche questa con la materia grassa che può essere la panna da cucina o addirittura l’uovo.


Ingredienti per la crema:

  • Zucca;
  • cipolla bianca;
  • la scorza di un arancio;
  • due cucchiai di panna,
  • olio e sale q.b.

Procedimento:IMG_5939

Iniziare con il soffritto di cipolla, lavorando con il tegame ben caldo e facendo rilasciare per primo un po’ di acqua di vegetazione delle cipolle, quando sono appassite aggiungere l’olio e rosolare, a questo punto aggiungere la zucca. Quando la zucca risulterà rosolata, aggiungere l’acqua calda al posto del brodo, questo eviterà  di coprire il sapore dolce della zucca. Come ultimo passaggio salare a vostro piacimento, aggiungere la scorza dell’arancia e la panna, quindi frullare.



Ingredienti per il ragù di salsicia:

  • Salsiccia fresca;
  • una noce di burro,
  • semi di anice.

Procedimento:

Come prima cosa eliminare il budello dalla carne, cuocere quindi con il burro cercando di separare i grumi più grandi aggiungete i semi e lasciate rosolare fino a quando la carne non avrà preso un colorito bruno.


E’ ora di Impiattare…

IMG_5937

buon appetito e alla prossima🙂

un bacio, Franci!

Curry di Pollo

Pronte le valigie? perché stiamo per andare a visitare l’India, un posto meraviglioso ricco di cultura e colori bellissimi. E quale piatto più appropriato se non il Curry per farci viaggiare con la fantasia? quindi occhi chiusi e su’ con le forchette perché si parte.

La cucina indiana si identifica nel mondo per il modo di porsi, un esempio banale ma che caratterizza questa terra e la sua cultura, è che si mangia con le mani, con la mano destra più precisamente, in quanto si deve avere anche un rapporto tattile non solo di nutrimento con il cibo, si usa la mano anche per sentire il grado di cottura e calore con il cibo, quindi se riesco a tenere il cibo in mano posso tranquillamente mangiarlo senza paura di scottare la bocca. In India si mangia seduti per terra, l cibo è trattato con molto rispetto. Non si parla mentre si mangia e non si interrompe il pasto per fare qualcos’altro. Il pasto non è suddiviso in portate, ma è costituito da un piatto unico: cibi e salse vengono disposti tutto intorno al piatto, mentre nel mezzo si mette un mucchietto di riso o di pane. La cucina indiana viene classificata in base alla zona di provenienza, se viene dal nord si usa molta carne e meno spezie, mentre se viene dal sud si trova una cucina vegetariana ma molte spezie.

Dopo questa breve parentesi, vi lascio alla mia ricetta, una rivisitazione del Curry di pollo 😉

Ingredienti:

  • 500 gr di pollo;
  • aglio;
  • cipolla;
  • maizena;
  • 100 gr di peperoncini rossi freschi privati dai semi ( per intenderci quelli che si fanno ripieni con il tonno);
  • 1 bustina di zafferano;
  • 1 cucchiaino di curcuma;
  • 1 cucchiaino di noce moscata;
  • pepe nero;
  • 1 cucchiaio di curry;
  • un brodo vegetale o vino bianco;
  • olio e sale q,b.

Procedimento:

In una padella, io ho utilizzato il wok, fate soffriggere con dell’olio la cipolla e l’aglio, che potete tenere sia intero quindi per far IMG_5048insaporire l’olio, oppure tritato da mischiare a tutti gli altri ingredienti . Aggiungete quindi i peperoncini tagliati a fette sottili e salate, quando i peperoncini saranno leggermente passiti potete aggiungere tutte le spezie tranne lo zafferano e il pepe, mescolate e mantecate con un po’ di vino o del brodo a vostra scelta. Quando il liquido si sarà ristretto e le spezie si saranno unite tra loro aggiungete il pollo precedentemente tagliato e infarinato nella maizena, fatelo rosolare. A questo punto aggiungete il pepe e salate la carne, quindi lo zafferano e un altro po’ di brodo,lasciate cuocere con il coperchio una decina di minuti, gli ultimi due minuti di cottura fateli però senza il coperchio così da far evaporare l’acqua che si è formata. Non appena vedete che si è formata una crema bella densa potete spegnere il fuoco e servire il vostro pollo, che potete accompagnare con del riso o semplicemente del pane.

buon appetito e alla prossima

                                                                                 🙂           un bacio, Franci!          

IMG_5049


Con questa ricetta partecipo al contest di Ostriche dal titolo ” IN VIAGGIO A TAVOLA”  che ho trovato molto interessante, sopratutto perché rispecchia perfettamente il mio blog. image1

Pollo caramellato

IMG_3306Miele e pollo un accostamento che non avevo mai provato e mai assaggiato, ma che ricorda molto i sapori dei cibi orientali. Non ho seguito nessuna ricetta, ho usato la mia fantasia, che poi cercando su internet ho trovato molte ricette simili. Tempo fa però avevo letto che il miele viene usato nella cottura dei cibi perché fornisce quel bel colore brunastro che piace tanto a chi ama la carne! E diciamocela tutta il petto di pollo in padella non è poi tutta questa grande bontà 😀 ma bando alle ciance, adesso vi lascio alla ricetta sperando vi piaccia 😉

Ingredienti:

  • Petto di pollo;
  • Maizena;
  • Burro;
  • Miele;
  • Sale q.b,
  • Limone.

Procedimento:

Come primo passo bisogna tagliare il petto di pollo a bocconcini, e infarinarli nella maizena. In seguito far sciogliere del burro nella padella a seconda del pollo che volete cuocere, mischiate un cucchiaio di miele e fatte sciogliere per bene il tutto; aggiungete poi il pollo e lasciatelo cuocere, si formerà una salsa veramente gustosa, non dimentichiamoci però del sale! Anche se è un pollo caramellato è pur sempre carne, un pizzico di sale ci sta sempre. A fine cottura poi, grattugiate della scorza di limone, che renderà il tutto ancora più profumato.
Io ho accompagnato questo piatto con delle zucchine grigliate! Ma potete anche accompagnarlo con dei peperoni arrosto in agrodolce, che secondo me sono la fine del mondo!!

Spero che la ricetta vi sia piaciuta, e chiedo scusa se continuo a sparire, ma non sono molto brava ad organizzare le mie giornate!! 😀 sono sempre di corsa e non ho mai tempo per cimentarmi e sperimentare nuovi piatti. Ultimamente sto vivendo di pasta al burro e panini 😦IMG_3295

buon appetito e alla prossima ;)

un bacio, Franci!