di pesce · primi piatti · ricette

Calamarata di gamberi rossi e piccoli scampi.

ilmondodentrounpiatto (9)

Quando svolgi un lavoro come il mio e se sopratutto ami il cibo, avere fame è un cruccio che ti porti dietro per tutte le ore del servizio. Profumi, colori, sapori che pensi di sentire ma  l’unica tua consolazione sono le facce felici e i complimenti che solo il cliente ti riservano. Visto che il pranzo per  il cameriere non è mai quello che uno si aspetta.

L’unica tua salvezza è tornare a casa, aprire un panino farcirlo con quello che hai in frigo, quasi sempre una fettina di prosciutto mezzo secco che ti porti avanti da settimane e un bicchiere di vino. Non era per caso questa la felicità?

NO! non per questa volta almeno. E’ venerdì, i miei amici verranno a  cena, avranno tante cose da raccontarmi e un panino non è il massimo , oggi.

La fantasia non manca, anche se il piatto iniziale non era questo, ma l’arte di arrangiarsi è una dote che mi appartiene, almeno in cucina.

Adesso però vi lascio alla ricetta visto che siete qui per questo..

slow cookerthanksgiving turkey (1)

 

Come si prepara:

Iniziamo sgusciando gamberi e scampi, separando la testa dal carapace che ci servirà come base del sugo. Quindi la testa andrà rosolata con aglio, olio e peperoncino in una padella larga dove andremmo a saltare la pasta.

Quando le teste inizieranno a prendere colore, rosso vivo per intenderci, è quello il  momento in cui dovete sfumare il tutto con del vino bianco. Aggiungete ora una cipolla rossa tagliata molto fine e fatela soffriggere, aggiungete anche i pomodorini e aggiustate di sale e pepe. Solo quando questi saranno squagliati aggiungete i gamberi e gli scampi precedentemente tritati a coltello, si devono sentire al palato ma i pezzi non devono essere troppo grandi, fate cuocere per qualche minuto ed il sugo è pronto.

Mentre la pasta cuoce, preparate la salsa che userete nella mantecatura della pasta. Quindi in una ciotola mescolate la stracciatella con qualche cucchiaio di acqua di cottura, aggiungete la scorza del limone e continuate a girare fino a quando questa non risulterà omogenea.

Scolate la pasta, saltatela in padella aggiungendo la salsa e un po’ di acqua se lo ritenete opportuno. Servite i commensali e aggiungete un filo di olio al tartufo a crudo in ogni piatto.

ilmondodentrounpiatto (10)

 

Cosa si beve?

Sicuramente un vino bianco, ma non esiste nessuna legge scritta che ci vieta di abbinare un vino rosso a un piatto di mare. Io ho comunque scelto un vino fresco, un vino sapido che contrasti la dolcezza del piatto (gamberi e scampi) e che si sposi bene con il gusto un po’ più grasso del formaggio. Quindi un vino secco e molto profumato. Un vino che si produce nella mia isola e che personalmente apprezzo molto in quanto ricorda il classico Gewurztraminer.

Parlo del Aromatico di su’entu, un vino che come qualità prezzo è tra i migliori. E’ un IGT Marmilla, quindi un vino prodotto da un uvaggio misto (Nasco, Moscato e Chardonnay) ed è prodotto solo in quella determinata zona che comprende le province di Cagliari e Oristano.

 

Vi lascio in allegato la scheda tecnica.

http://www.cantinesuentu.com/wp-content/uploads/2017/03/Aromatico-2017-ITA.pdf

credit per le immagini della grafica: Amy Holliday Illustration

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...